Archive for ottobre 2011

Un vademecum

Posted by amministratore su 29 ottobre 2011

Un vademecum rivolto ai professionisti dell’informazione sul delicato tema della popolazione romanìù
Una pubblicazione agile, declinazione della Carta di Roma, che offre contributi di esperti della materia e dell’informazione, un intervento del Papa relativo alla audizione dei rom e delle Faq sintetiche che hanno l’intento di semplificare il lavoro gionalistico nell’affrontare la questione.
”Ho visto anche degli zingari felici” sara’ presentato alla Federazione Nazionale della stampa italiana il 31 ottobre prossimo alle ore 10, 30 insieme al Segretario dell’Associazione Stampa romana Paolo Butturini, l’Assessora al Lavoro e Formazione della Regione Lazio Mariella Zezza, il presidente della Federazione nazionale della stampa Roberto Natale, il presidente della Comunita’ di Capodarco Don Vinicio Albanesi, il responsabile Rom e Sinti della Comunita’ di Sant’Egidio Paolo Ciani; il Segretario Associazione Giornalisti Scuola di Perugia Roberto Chinzari ; la giornalista di Panorama e scrittrice Bianca Stancanelli, il presidente della Federazione Romani’ Nazzareno Guarnieri.
Partecipera’ anche Moni Ovadia, attore e regista.
Il vademecum e’ stato realizzato dall’Associazione Stampa romana con il sostegno della Regione Lazio – Assessorato Lavoro e Formazione e in partnership con la Comunita’ di Sant’ Egidio e l’Associazione dei Giornalisti Scuola di Perugia.

Al termine della presentazione, verra’ offerta una degustazione di cibi ”Rom” in collaborazione con l’Associazione ”Roma’ Onlus”.

Annunci

Posted in Federazione | Leave a Comment »

Predicano bene e razzolano male

Posted by amministratore su 13 ottobre 2011

Nelle scorse settimane ho denunciato i possibili danni che può fare alla popolazione romanì una iniziativa NON coerente ai bisogni ed alla realtà.

Per fare questa mia denuncia non ho consultato “la palla vetro” ma i risultati delle esperienze fallimentari del passato.

Mi riferisco al corso di formazione per mediatori culturali promosso dal Consiglio d’Europa.

In questi giorni mi viene segnalato il primo danno di questo corso, ne sono convinto che altri seguiranno.

Lo scorso mese di settembre la Caritas di Salerno ha promosso il corso di formazione per mediatori culturali rom avviato dal Consiglio d’Europa per tre giorni e alcune organizzazioni locali hanno inviato i “propri rom” a questo corso. Evito di commentare la struttura ed i contenuti del corso per il rispetto al lavoro degli altri anche quando è palesemente NON adeguato.

Accade che in una regione italiana ci sono mediatori culturali rom GIÀ FORMATI negli anni scorsi e che hanno svolto diverse attività di mediazione culturale rom con un ottimo successo visibile e riconosciuto.

In questa regione una organizzazione provinciale nel mese di Marzo 2011 decide di preparare un progetto per i rom e visto che non si è mai occupata progettualmente di rom decide di chiamare i mediatori culturali rom già formati (presenti di alcuni decenni in questa provincia) per avviare una collaborazione, la presenza di professionalità romanì qualifica il progetto.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Federazione | Leave a Comment »

Un osso da spolpare

Posted by amministratore su 2 ottobre 2011

Tante persone ed organizzazioni tentano di “aiutare” la popolazione romanì a superare disagi e difficoltà sociali, culturali ed economici. Ma se da troppo tempo e troppo spesso questo “aiuto” si trasforma in un disastro una motivazione deve pur esserci.

Le assenze di conoscenza e di partecipazione attiva e professionale dei rom sono motivazioni concrete della grave condizione della popolazione romanì.

Ma i danni prodotti nel passato, ed ancora oggi, alle comunità romanì, portano a pensare anche ad altre motivazioni e responsabilità che spesso sfuggono all’attenzione senza un’analisi professionale ed onesta, senza una serena autocritica.

Responsabilità delle numerose ricerche che hanno descritto e descrivono una realtà romanì stereotipata e quindi falsa, e sulla base di queste ricerche sono state attivate politiche NON coerenti alla realtà ed ai bisogni reali.

Responsabilità di una partecipazione come un mezzo degli stessi rom, che per un pugno di mosche si sono prestati a realizzare il danno alla collettività romanì e non.

Responsabilità della politica e delle istituzioni che non vogliono dialogare direttamente con le professionalità e le organizzazioni rom, credibili e documentati.

Leggi il seguito di questo post »

Posted in Federazione | Leave a Comment »