XV° Meeting antirazista 2009. Convegno: “Housing, Habitat e superamento dei “campi nomadi”…

Posted by amministratore su 12 luglio 2009

Nell’ambito della XV° edizione del meeting internazionale antirazzista 2009 ieri a Livorno si è svolto il convegno “Housing, Habitat e superamento dei “campi nomadi”…

Coordinati da Roberto Ermanni (referente rom – coordinamento immigrazione ARCI), Demir Mustafa (Associazione Amalipe Romano) sono intervenuti: Assessore Politiche sociali del comune di Livorno, Lorenzo Romito (Stalker-Osservatorio Nomade), Nicola Solimano (Fondazione Michelucci), Piero Colacicchi (OsservAzione), , Nazzareno Guarnieri (Federazione Romanì), Martin Demirovski, Zelko Jovanovic e Isabela Mihalache Previ (OSI-open society institute e Parlamento Europeo), Sara Barbieri (Salesiani Livorno), Laura Grazzini (Arci), Marco Brazzoduro (Roma), Ernesto Grandini (Comunità Sinti), Sergio Bontempelli (Rebeldia), Claudio Graziano (ARCI Roma), Sergio Suffer (Nevo gipen) e Caritas Italiana.


Riportiamo l’intervento di Sergio Suffer dell’associazione Nevo gipen di Brescia

Sono Sergio Suffer, un sinto dell’associazione Nevo Gipen e delegato per housing sociale della Federazione romanì. Bisogna tener conto che il popolo dei sinti e dei rom non è un popolo omogeneo ma è composto da vari gruppi con una storia e un cammino molto diversi. Quindi non si può pensare a una soluzione universale valevole per tutti avendo compiuto essi stessi esperienze molto diverse tra di loro, ad esempio il matrimonio, l’approccio al lavoro, le relazioni interne ed esterne al gruppo. Ogni progetto per essere valido deve sempre essere diversificato con possibilità di scelta. Se l’uomo non sceglie non si responsabilizza e quindi non ha la capacità di valorizzare quello che gli si offre; è una cosa molto importante, ogni iniziativa per rom e sinti deve essere condivisa con gli stessi rom e sinti. I campi nomadi vanno superati, su questo siamo tutti d’accordo. Non potendo però chiederlo dalla mattina alla sera, è importante eliminare ogni forma di gestione dei campi, rimpiazzandola con l’autogestione diretta dei campi per uscire definitivamente dall’assistenzialismo. Questo è un passaggio fondamentale per superare i campi nomadi e per iniziare la condivisione di una scelta abitativa che può essere qualsiasi iniziativa “normale” nel rispetto delle leggi vigenti.

Dobbiamo tener conto che vi sono delle famiglie che fuori dal campo (dopo 30 anni che ci vivono) non riuscirebbero a sopravvivere, pertanto le soluzioni potrebbero essere le seguenti, purchè siano sostenute da una chiara scelta politica locale o da una legge, per evitare di tornare alle politiche differenziate:

Mantenere aperti i campi sosta in attesa che la famiglie che vi sono dentro maturino alternative di vita.

Per chi è pronto e lo vuole, la possibilità di abitazione nelle case, senza privilegi nei confronti di altri.

Nell’attuale contesto politico e legislativo non crediamo possa essere realizzata la politica dei terreni agricoli, ma sarebbe interessante lavorare a questa soluzione sollecitando una legge valida per tutti i cittadini, cioè qualsiasi cittadino che possiede un piccolo terreno privato, può chiedere la costruzione di una abitazione, o addirittura metterne una mobile, e la legge deve definire “come”.

Altra soluzione sono le microaree, nella mia provincia stiamo già lavorando a progetti di housing sociale per famiglie rom e sinte allargate. Rispettando le leggi vigenti, ma soprattutto rispettando la cultura e le tradizioni di rom e sinti, e dei gagi.

L’ultima è la possibilità del nomadismo per il sostentamento economico della famiglia (ricordiamoci dei giostrai, circensi, arrotini, ombrellai e altri mille lavori), per motivi religiosi (ad esempio gli evangelisti) che sono veramente tantissimi, e sempre in crescita e per e per la semplice ragione che il nomadismo fa parte di molti del mio popolo, come tradizione e cultura.

In poche parole, libertà di scelta e spazio vitale.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: