Perchè Federazione Romanì?

Posted by amministratore su 24 giugno 2009

logo a colori federazione romanìIl 9 giugno c/a abbiamo condiviso la Federazione Romanì con  una funzione propria, con autonomia assolutamente incondizionata. Forse può essere la formula giusta, chi lo sà, staremo a vedere. Comunque, per comprendere il manifesto di questo movimento etnico-politico occorre prendere spunto dal simbolo, qui riprodotto, che ne riassume i contenuti e ne rappresenta la ragione.

Come si può vedere chiaramente, l’immagine selezionata ed estrapolata dalla simbologia zingara, è la ruota, o meglio una mezza ruota oggettiva + un’altra mezza ruota emblematica. Poi abbiamo delle ideografie, alcune più evidenti, altre meno. Perchè?

Decodificando…La ruota, per associazione di idee è sinonimo di circolarità, di dinamismo, di migrazione, di famigliarità, di falò, di universalità, ecc.. si presenta divisa in due semicerchi: tra  stilizzazione di un elemento riconoscibile e un ideogramma “caratteriale”. Cosa vogliono significare?

Il criterio comunicativo è piuttosto semplice, la ruota dimezzata non è in grado di assolvere alla sua funzione, per ovvi motivi non può girare;  essa rappresenta la posizione di stallo in cui versa la popolazione romanì oggi soprattutto in Italia.

Causa? Propabilmente la diversificazione tribale dei gruppi, rincarato dal dislivello culturale. A mio modesto parere l’intoppo si trova proprio qui. La sorgente da cui deriva il rifiuto della gerarchia scolastico- formativa, internamente alle comunità.

E allora, il moto perpetuo del simbolo della vita, se la vita è movimento, come suggellavano i Futuristi nei loro programmi ideologici, questa può riprendere il suo cammino solo a patto che l’altra metà della ruota venga creata, o meglio ri-costruita dalla coesione sociale e politica della popolazione romanì.

Se non si capisce questo, che siamo una stessa ed unica etnia, seppure germogliata in una ricchezza di gruppi e sotto gruppi con molti appellativi, non usciamo da uno stallo secolarizzato.

La storia insegna. I vari tentativi falliti da quarant’anni a questa parte di creare un organismo dal titolo Rom e Sinti insieme è sempre risultato un ossimoro, una contraddizione in termini. É come a dire l’Italia rappresentata dalla Sicilia e Sardegna Insieme. L’Italia è Una ed è rappresentativa di tutte le regioni.

Sinti e Rom insieme apre la ferita della disgregazione ancora più profondamente a una popolazione già debole.

In conclusione, invito tutti a riflettere su ciò, perchè la battaglia che vogliamo protrarre nel tempo vede tutti noi coinvolti nella medesima direzione: riconoscimento della minoranza, diritto al lavoro, diritto alla cultura propria, diritto a rivendicare le ingiustizie razziali e storiche, diritto alla rappresentanza, diritto all’eguaglianza, diritto alle pari opportunità, diritto alla vita e alla libertà.

Appello ai Rom e ai Sinti, aiutateci a far girare di nuovo la Grande Ruota.

Bruno Morelli – coordinatore della Federazione Romanì

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: